Avviso di avvio del procedimento per l’occupazione di suolo pubblico per attività di ristorazione, nei comuni di Loiano, Monghidoro, Monterenzio, Ozzano dell’Emilia e Pianoro

Questa Unione, visto il Decreto Legge del 22 aprile 2021 n. 52 pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 96 del 22/04/2021, dove a far data dal 26 aprile 2021, sono state predisposte Misure per contenere e contrastare l’emergenza epidemiologia da COVID-19 con il ripristino della disciplina della zone gialle e la riapertura di tutte le attività di servizio di ristorazione ecc.., con Deliberazione di Giunta dell’Unione dei Comuni Savena-Idice n. 28 del 26/04/2021 si è provveduto a predisporre un iter e un modulo per la richiesta di occupazione di suolo pubblico, consentendo a codesti esercizi di garantire la sicurezza dei cittadini e la sicurezza degli addetti che lavorano.

Possono essere presentate le suddette domande, dando la possibilità di allargamento della superficie utile esterna dell’esercizio di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari) dell’esercizio per la somministrazione di bevande comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione, nonché somministrazione di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gelateria, e prodotti di gastronomia (bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari), dell’esercizio per l’asporto di pasti e bevande (take away, rosticcerie, pizzerie da asporto), consentendo una compensazione del danno che subiscono gli operatori per il rispetto del distanziamento sociale.

Si è ritenuto opportuno, al fine di un minor sacrificio per le attività economiche già fortemente danneggiate dall’emergenza Coronavirus, di adottare i seguenti criteri temporanei per le concessioni di suolo pubblico valevoli fino al 31 Dicembre 2021, salvo ulteriori proroghe:

  • la sospensione o deroga ha efficacia limitata fino al 31 Dicembre 2021, salvo ulteriori proroghe, ed è autorizzata esclusivamente per nuovi dehors e/o ampliamenti di dehors esistenti e/o autorizzati con arredi non fissi e in particolare tavoli, sedie e ombrelloni che al momento della chiusura del pubblico esercizio vanno rimossi. Sono compresi negli arredi anche le fioriere;
  • le attività di somministrazione di alimenti e bevande, laboratori in chiosco e artigianali di asporto e che non hanno dehors o comunque altre occupazioni di suolo pubblico, possono chiedere l’occupazione di un’area di dimensioni congrue in considerazione all’ampiezza dell’attività e della disponibilità di suolo pubblico fruibile, preferibilmente davanti alla stessa;
  • le attività di somministrazione di alimenti e bevande, laboratori in chiosco e artigianali di asporto e già titolari di una concessione, possono chiedere un dehors straordinario o altra occupazione di suolo pubblico straordinaria nel limite di quanto previsto al punto precedente. Le occupazioni straordinarie devono essere preferibilmente collocate in continuità con quelle già concesse alla stessa attività. Se ciò non è possibile, la distanza dall’attività pubblico esercizio deve essere tale da consentire il rispetto di tutte le norme igieniche e sanitarie;
  • la sospensione dell’assolvimento dei diritti di segreteria e istruttoria per le pratiche SUAP approvata con Deliberazione della Giunta n. 95 del 12 novembre 2020 corrispondente a € 160,00 fino al 31/12/2021, salvo ulteriori proroghe, per le attività di somministrazione di alimenti e bevande, laboratori in chiosco e artigianali di asporto che facciano richiesta di occupazione suolo pubblico;
  • le concessioni temporanee di cui al presente provvedimento verranno rilasciate entro dieci (10) giorni lavorativi dalla presentazione della richiesta, fatti salvi maggiori termini per la richiesta di eventuali integrazioni;
  • al fine di assicurare il rispetto della quiete pubblica, igiene e sicurezza anche sanitaria, coloro che richiedono concessioni temporanee e straordinarie, ovunque localizzate, in sede di domanda dichiarano di obbligarsi al rispetto delle normative vigenti in materia.

La domanda semplificata, comprensiva di marca da bollo, (ex novo e/o in ampliamento di suolo pubblico) va inviata tassativamente a mezzo PEC alla seguente PEC unione.savenaidice@cert.provincia.bo.it e/o e-mail al seguente indirizzo suap@unionevallisavenaidice.bo.it a partire dall’approvazione della presente Deliberazione di Giunta.

Alla domanda vanno allegati:

  1. schema planimetrico con il rilievo dello stato dei luoghi, l’individuazione dell’area occupata (ex novo e/o in ampliamento) e gli ingombri quotati;
  2. copia di un documento di identità valido;
  3. scansione di marca da bollo annullata e/o copia di avvenuto pagamento di marca da bollo in maniera virtuale di € 16,00 da versare nella seguente modalità:
    • Bonifico Bancario INTESA SAN PAOLO SPA – IBAN IT80 S 03069 37001 100000046065 – Filiale di Pianoro, intestato a Unione dei Comuni Savena-Idice Viale Risorgimento, 1 Pianoro (Bo), causale: “Pagamento bollo in maniera virtuale”;

Verrà poi richiesta una seconda marca da bollo in fase di rilascio dell’atto autorizzativo.

Allegati

Vai ad inizio pagina