BANDO Op. 11A – Qualificazione delle piccole e micro imprese extra-agricole

Il GAL (Gruppo di Azione Locale) dell’Appennino Bolognese, società pubblico-privata locale, affidataria dei fondi regionali e comunitari LEADER per la valorizzazione delle aree rurali più in difficoltà, ha pubblicato in questi giorni un bando per il finanziamento dei progetti delle piccole imprese di montagna, operanti nei settori del commercio, dell’artigianato, del turismo e dei servizi.

Le domande di finanziamento potranno essere presentate, utilizzando l’apposito sistema informativo dell’Agenzia Regionale per i Pagamenti Agricoli (Agrea) dall’11 dicembre 2017 al 17 aprile 2018. Il bando ha una disponibilità di 1.530.000 euro e cofinanzierà con contributi in conto capitale i progetti che nella graduatoria finale risulteranno in posizione utile, ovvero con il punteggio adeguato.

L’importo dei singoli progetti potrà oscillare da un minimo di 10.000,00 euro ad un massimo di 100.000,00 euro. Il contributo del Gal coprirà il 50% di questo importo se l’impresa beneficiaria risulterà insediata nella media-alta montagna e il 40% se in collina.

Questo bando rappresenta una vera novità in quanto si tratta di una misura di rilancio di valori come natura, ambiente, storia, cultura, tradizioni, tipicità ed enogastronomia: infatti cofinanzia progetti di riqualificazione, innovazione e diversificazione delle piccole e micro imprese extragricole dell’Appennino e riconosce un punteggio aggiuntivo, priorità ai proponenti che creeranno nuovi servizi, valorizzando le tipicità locali ed effettueranno investimenti in tecnologie dell’informazione e permanenza delle attività nei piccoli centri aderendo alla Carta dell’Accoglienza all’interno dei principali itinerari turistici appenninici.

Le spese ammesse a finanziamento riguardano:

  • costruzione/ristrutturazione immobili destinati all’attività aziendale,
  • arredi funzionali all’attività,
  • macchinari,
  • impianti,
  • attrezzature funzionali al processo innovativo aziendale,
  • impianti e attrezzature per lavorazione/trasformazione/conservazione dei prodotti e/o servizi offerti o somministrati,
  • investimenti funzionali alla vendita,
  • allestimenti e dotazioni specifiche per veicoli aziendali strettamente necessari per svolgere l’attività,
  • investimenti immateriali connessi alle precedenti voci di spesa quali onorari di professionisti/consulenti e studi di fattibilità, entro il limite massimo del 10% delle stesse;
  • investimenti immateriali quali: acquisizione/sviluppo programmi informatici, acquisizione di brevetti/licenze, promozione e comunicazione.

Nel caso particolare degli studi di fattibilità, la relativa spesa è riconosciuta a fronte della presentazione di specifici elaborati frutto dell’effettuazione di analisi di mercato, economiche e similari, finalizzate a dimostrare la sostenibilità economico finanziaria del progetto;

Il bando con tutti i suoi allegati è consultabile sul sito di Bologna Appennino – GAL Appennino Bolognese   www.bolognappennino.it

Per maggiori informazioni: info@bolognappennino.it – tel: 051 5278932

Vai ad inizio pagina